avatar

Giuseppe Argentieri

3 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Alfano: "Dal governo arriverà riduzione fiscale senza precedenti"
(Il Corriere)

"Nei prossimi otto giorno daremo un segnale di riduzione fiscale che non ha precedenti". Lo ha detto il ministro dell'Interno Alfano durante L'intervista di Maria Latella.

Renzi: "Taglio tasse da 10 mld, legge voto chiudiamo"
(Ansa)

"Mercoledì per la prima volta si abbassano le tasse" Lo afferma Matteo Renzi, dicendo che si tratta di 10 miliardi, a Che tempo che fa. "Il pacchetto di misure lo presentiamo mercoledì con le entrate e le uscite".

Ue: fondi per il lavoro, non per il cuneo
(Avvenire)

In Italia il cuneo fiscale ammonta a 296,4 miliardi di euro: 161,47 miliardi gravano sulle spalle dei datori di lavoro (pari al 54,47 per cento del totale), gli altri 134,97 (pari al 45,53 per cento del totale) sono a carico dei lavoratori dipendenti. Di questi 296,4 miliardi, 280,67 sono riconducibili al peso dell'Irpef, delle addizionali comunali/regionali Irpef e dei contributi previdenziali; gli altri 15,77 miliardi di euro sono ascrivibili all'Irap. I dati appena esposti, secondo una stima realizzata dall'Ufficio studi della Cgia, costituiscono il peso e la composizione del nostro cuneo fiscale che, precisa la stessa Cgia, "stando alle intenzioni manifestate nei giorni scorsi dal Governo Renzi, dovrebbe subire un taglio di 10 miliardi di euro".

Nel caso venisse confermata questa ipotesi, fa sapere ancora la Cgia, il cuneo si ridurrebbe del 3,4 per cento. Chi, tra le imprese e i lavoratori dipendenti, otterrà i maggiori benefici da questo taglio ? "Dipenderà dalla scelta che farà l'Esecutivo - esordisce il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi - noi auspichiamo che la gran parte della contrazione vada a vantaggio dei lavoratori dipendenti. Solo così possiamo sperare in una ripresa dei consumi delle famiglie italiane".

Legge elettorale, Boldrini: "Certamente domani si chiude"
(Il Sole 24 Ore)

La presidente della Camera Laura Boldrini si dice "certa che domani si esauriranno i lavori" sulla legge elettorale alla Camera. "Ce lo auguriamo fortemente, e siamo organizzati perché nella giornata il percorso si esaurisca", aggiunge partecipando a In mezz'ora, la trasmissione di Radio 3 condotta da Lucia Annunziata. "Abbiamo ancora 100 emendamenti da votare con i tempi contingentati per circa 8 ore. Certo, quando i gruppi chiedono un aumento dei tempi viene concesso. Succederà ancora perché la posta in ballo è alta ed è giusto. È una giornata cruciale per il Paese", conclude la presidente Boldrini.

Tra Renzi e Blair c'è di mezzo un tavolo
di Stefano Menichini (Europa)

Lo attendono tutti al varco lì, aspettando quel momento per decidere se Matteo Renzi può davvero essere il Tony Blair italiano. L’esame si chiama Jobs Act, il giurato si chiama Susanna Camusso: per molti, sulle reazioni della Cgil al piano del lavoro che sarà presentato mercoledì dal governo si misurerà il tassso di discontinuità che il presidente del consiglio “rivoluzionario” è in grado di permettersi. Per quanto semplificatorio, è opinione diffusa che un eventuale placet di Camusso vorrà dire che Renzi non avrà fatto abbastanza. E varrà anche l’opposto, naturalmente: non si può essere davvero Blair se non si litiga da subito con i sindacati.

Renzi: libertà senza democrazia?
di Piero Sansonetti (gli Altri)

L’idea che sia possibile una modernità senza democrazia, nella quale la società viva in piena libertà ma senza la possibilità di influire sul potere, è una ipotesi suggestiva. In fondo è semplicemente la conseguenza logica della morte della politica (per motivi che ora non indaghiamo). Una modernità che vive sulla convivenza, l’incomunicabilità e la conflittualità tra due sfere: società e potere. Nella seconda sfera la libertà scompare (scompare nei partiti di governo, che rispondono solo alla ragion di stato, e i cui militanti diventano funzionari della causa e basta; ma scompare anche nei partiti di opposizione, vedi Grillo). Nella sfera della società la libertà resta intatta e perde solo la sua capacità di condizionare la collettività. Si chiude in se stessa, si individualizza. Il dubbio, si capisce, è quello lì: quanto può durare una libertà che non è più alimentata dalla sua capacità di "agire" sulla collettività? La libertà senza democrazia non rischia di essere una illusione, una soluzione transitoria, breve?

Assange

What's Gone Wrong with Democracy
(The Economist)

In questo lungo saggio dell'Economist ci si interroga sulla crisi del concetto più fortunato del ventesimo secolo: il concetto di democrazia.

In Ukraine Crisis, Italy's Hunger for Russian Gas Weakens Western Coalition
di Domenico Conti (International Business Times)

L'Italia importa più del 90 % del gas che consuma, il 31 % viene dalla Russia. Ecco perché la posizione del governo italiano nei confronti del suo partner commerciale non può essere così netta, come quella di altri partner europei degli Stati Uniti.
Il governo italiano ha prontamente fatto sapere che esiste "una strategia di differenziazione energetica" alternativa, attraverso due nuove fonti di approvvigionamento. Ma si tratta di progetti tutt'altro che compiuti.

The StreetsAin't What They Used to Be
di Christian Caryl (Foreign Policy)

Durante la Primavera Araba, gli ottimisti hanno predetto un futuro radioso per le rivendicazioni democratiche nel mondo. Ma la realtà in Ucraina, Venezuela, Turchia e Thailandia è molto più complessa.

SXSW 2014, Julian Assange: "C'è stata un'occupazione militare dello spazio pubblico digitale"
di Gaia Berruto (Wired)

Nell’ora esatta di discorso via Skype dall’ambasciata equadoregna di Londra dove è rifugiato, Assange ha criticato l’amministrazione Obama, chiedendosi chi sia davvero a portare i pantaloni visto che dopo le rivelazioni di Edward Snowden nessuno è stato licenziato e all’NSA tutto è rimasto come prima. Nessun licenziamento, nessuna indagine. “Obama, se solo volesse, potrebbe chiudere l’NSA. Ma sappiamo che non lo farà mai”, ha commentato Assange, aggiungendo che se l’agenzia ha monitorato tutto quello che accade nel mondo, senza dubbio ha controllato anche il presidente.

avatar Alessandra Vergani 3 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Grazie a Giuseppe Argentieri per questo servizio quotidiano.
avatar Giuseppe Argentieri 3 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Grazie!