Rispondi a:

Inviato da avatar Giuseppe Argentieri il 04-03-2014 alle 08:25

In Italia, 

dal Corriere, 
Italicum, l'accordo ancora non c'è. L'idea di congelare l'entrata in vigore, di Alessandro Trocino.

Oggi alle 11 arriva alla Camera il testo della proposta di riforma della legge elettorale. Verranno discussi 40 emendamenti presentati ieri e dalle 16 comincerà il voto in aula. Si discuteranno, tra gli altri, l'emendamento Lauricella, che subordina l'entrata in vigore dell'Italicum alla riforma del Senato, e l'emendamento D'Attorre, minoranza pd, che prevede l'applicazione della riforma alla sola Camera.

da La Stampa, 
Legge elettorale, rischio crac, di Ugo Magri.

Sull'emendamento D'Attorre si gioca l'alleanza con Forza Italia. Secondo Brunetta infatti: 'Una riforma della legge elettorale prevista per un solo ramo del Parlamento sarebbe incostituzionale e irragionevole'.

dal Sole24ore,
Giovani e lavoro, il primo impiego favorisce i tecnici. La paga? Supera a stento i mille euro, di Francesca Barbieri.

da Lettera43,
Quant'è popolare Angelino, di Marianna Venturini.

In vista delle elezioni europee, Alfano è a caccia di alleanze. Il suo partito è dato poco al di sopra della soglia di sbarramento minima, il 4%.

 

Nel mondo, 

da The Guardian
Echoes of Pyongyang as South Korea jails politician for 'subversive' plot, by Justin McCurry.

In un report del 2012 Amnesty International ha accusato la Corea del Sud di aver sistematicamente abusato delle Legge per la sicurezza nazionale per bloccare il dibattito e censurare il dissenso politico. Oltre 40000 siti sono stati bloccati dalle autorità coreane, solo nel 2012, per contenuti considerati a favore della Corea del Nord.

dal Time
4 Reasons Putin is Already Losing in Ukraine, by Simon Shuster (3/3/14).

Le quattro ragione per le quali, secondo il Time, Putin starebbe già perdendo l'Ucraina: il dissenso interno, l'impatto economico negativo, la presa di distanza dei suoi alleati (come il Kazakistan), e un ulteriore peggioramento dell'isolamento da parte dell'occidente. 

Da Foreign Policy
A World Without Consequences, by David Rothkopf (3/3/14).

Secondo Rothkopf, gli Stati Uniti hanno perso sempre di più la loro capacità di incidere nelle vicende politiche mondiali. Le crisi in Siria, Venezuela e Ucraina ne sono la dimostrazione.

 

Per chi se li fosse persi, 

da l'Espresso,
L'Italia ha già fatto i compiti a casa, di Innocenzo Cipolletta (3/3/14).

'Conosci un Paese dell’Eurozona che dal 2010 al 2012 ha ridotto il numero degli impiegati pubblici e la spesa per retribuzioni nel pubblico impiego del 4 per cento in valore? Conosci un Paese dell’Eurozona che sta ormai entro il parametro del 3 per cento del disavanzo pubblico sul Pil e che ha un bilancio in pareggio in termini strutturali?
Sì, lo conosci. Quel Paese è il tuo'.

dalla Gazzetta dello Sport,
Ma perché la Crimea è tanto importante per i russi? di Giorgio dell'Arti (3/3/14).

da Avvenire, 
Ucraina, il giusto prezzo, di Vittorio Emanuele Parsi (3/3/14).

'Occorre riconoscere che la dipendenza europea dalle forniture di gas russo non è più strategicamente tollerabile. Trovare rapidamente fonti di approvvigionamento alternative, non solo costituirebbe un doveroso esercizio di realismo e di prudenza, ma rappresenterebbe anche il giusto prezzo da imporre a Mosca per la sua aggressione'.

dal Giornale, 
Ma Obama non morirà per Maidan, di Gian Micalessin (2/3/14).

'La caduta di Viktor Yanukovich si sta già rivelando una vittoria di Pirro per un'Unione Europea chiamata ad un risanamento dell'Ucraina del costo stimato di 35 miliardi di dollari. Un profondo rosso a cui s'aggiungono i crediti inesigibili delle banche europee esposte con l'Ucraina per oltre 23 miliardi di euro, ben 7 dei quali garantiti, tra l'altro, da istituti italiani. E il salasso diventerebbe catastrofe se Mosca chiudesse i rubinetti di un gas che oltre a riscaldare l'Ucraina soddisfa il 22 per cento del fabbisogno dell'Unione Europea. Il blocco metterebbe letteralmente in ginocchio Germania, Austra e Italia e avrebbe seri contraccolpi per le economie di Francia e Inghilterra'.

Accedi

Devi inserire Nome utente e Password per inviare un messaggio. Se non li hai prosegui inserendo il contenuto della risposta e i dati personali (nome, cognome e email) oppure Registrati

Contenuto della risposta

Allegati

In quest'area vengono visualizzati gli allegati in attesa di spedizione.

La dimensione massima per ogni file è di 16MiB

Inserire l'indirizzo nella forma http://www.esempio.it
Inserire l'indirizzo nella forma http://www.youtube.com/watch?v=WUrJuSh0evE